Retro-Gamers, il forum del retrogaming! Partecipa al nostro forum e se hai qualche idea da proporre, contattami qui! >>>Ci trovi anche su Tapatalk!<<< Per i nuovi utenti, vi ricordo che prima di poter scrivere sul forum dovete presentarvi qui.

Scena Amiga e integralismo

Area dedicata agli Amiga OCS, ECS e AGA.
Avatar utente
amig4be
Messaggi: 16
Iscritto il: 27/06/2020, 19:39

Scena Amiga e integralismo

Messaggio da amig4be »

Ragazzi provo a sfruttare questa nuova zona del web per chiarirmi qualche dubbio. La scena amiga che ho conosciuto negli anni 2010 era piuttosto semplice, da un lato avevamo gli utenti amanti del classic (generalmente pacifici come tutti gli amanti del retrocomputing) e dall'altra parte gli appassionati della scena OS4 notoriamente allergici alle critiche e spesso in polemica con gli appassionati degli altri due OS cosidetti NG o amiga like: Aros e Morphos. La situazione oggi mi appare ben diversa e devo dire poco intelligibile. Mi pare che OS4 si sia sgonfiato in modo clamoroso, e con il suo collasso noto che un certo fanatismo/integralismo si è in parte spostato nella nuova comunità di amighisti che utilizzano le espansioni vampire e sua versione stand alone (che a me pare pure interessante). Tra l'altro questa situazione ha portato alla ribalta una polemica che ormai era sopita da tempo, cioè l'avversione all'emulazione. Ad esempio su OS4 se non erro si emulavano tranquillamente i sistemi classici, e nessuno considerava più questa tecnica informatica (molto usata nel retrogaming) come una roba deprecabile. Ho l'impressione che si tratti di un'involuzione complessiva della scena.



Avatar utente
Seiya
Messaggi: 121
Iscritto il: 22/04/2020, 14:36
Mi piace ricevuti: 2 volte

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Seiya »

questa cosa dell'emulazione è un po' strana perchè quando su Amiga emulavi l'Atari, il Commodore 64, l'MSX o le console come il Master System e il NES tutti contenti. Guai però quando qualcuno emula l'Amiga e gli rinfacci che stai usando un Amiga. l'Amighista è così: va bene tutto, ma ti odierà per semprei se gli emuli il computer :happy-jumpeveryone:



Avatar utente
amig4be
Messaggi: 16
Iscritto il: 27/06/2020, 19:39

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da amig4be »

Appunto, l'emulazione è la cartina tornasole per misurare il grado di estremismo della scena. Gli OS4ari erano arrivati a un livello di astrazione superiore, grossomodo pensavano: "sulla mia scheda ppc con os4 emulo amiga ed è tutto ok". Guai però a tirare in ballo winuae e x86. Ora invece è vietatissimo considerare un sistema emulato pari ad amiga, indipendentemente dall'hardware coinvolto nell'emulazione. Al massimo puoi usare un emulatore per comodità, ad esempio per sviluppare o per preparare video, etc. Da questo punto di vista questa frangia di amighisti sta portando la scena indietro di molti anni.



Avatar utente
Guybrush Threepwood
Amministratore
Messaggi: 115
Iscritto il: 19/04/2020, 21:39
Ha espresso il “Mi piace”: 2 volte

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Guybrush Threepwood »

Che poi una vampire non emula un Amiga? Questa avversione per gli emulatori non l’ho mai capita, io preferisco l’hardware originale, ma non per questo li disdegno, anzi ho un raspberry con Retropie installato.. Che poi che differenza c’è tra un raspberry e una vampire stand alone (non parlo di differenze hardware..)?



Avatar utente
amig4be
Messaggi: 16
Iscritto il: 27/06/2020, 19:39

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da amig4be »

In effetti riprodurre un sistema via fpga comporta che questo debba essere programmato, così come anche un emulatore è stato programmato. Sebbene la differenza con l'emulazione tradizionale possa apparire concettualmente poca (o per alcuni addirittura un sofismo) è di fatto sostanziale e oggettiva. Però è anche vero che a rimarcare questa differenza in ambito retrocomputing è maggiormente chi ha per dogma un'avversione contro l'emulazione software.



Avatar utente
Seiya
Messaggi: 121
Iscritto il: 22/04/2020, 14:36
Mi piace ricevuti: 2 volte

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Seiya »

Con una FPGA si possono realizzare due tipi processore: Hardware e Software. quale è la differenza?
Il processore hardware è possibile realizzarlo con alcune FPGA che sono in grado di fornire un processore di questo tipo, integrato direttamente sul silicio che le compone.
Il processore software, come la Vampire, viene sintetizzato sulle celle presenti su tutte le FPGA, opportunamente programmate e collegate tra loro.

In effetti a guardare bene la differenza tra un emulatore come UAE e un Soft Processor può non essere così diversa: entrambi sono software, uno emula l'hardware originale in quasi ogni aspetto e il secondo replica un ipotetico 68080 a 80 Mhz. Sono due tipi di approccio diverso, ma è veramente così diverso da come sembra?

Una volta avevo chiesto se la vampire fosse jit con incazzatura generale dei soliti fanboy, ma io ho letto un documento sulla programmazione FPGA e c'è scritto che normalmente si usa il Jit per accelerare le prestazione della FPGA compilando in jit gli op-code delle istruzioni da inserire.



Avatar utente
Mak73
Messaggi: 16
Iscritto il: 09/05/2020, 18:55
Mi piace ricevuti: 1 volta

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Mak73 »

Seiya, ho già cercato di spiegartelo diverse volte... il JIT con un FPGA centra come il caffè con le emissioni elettromagnetiche... niente.

Purtroppo ci sono sempre state persone piuttosto litigiose, speravo che col tempo e quindi l'età le cose migliorassero... purtroppo non è così. Moltissima gente fatica ad accettare che altri vedano le cose in modo diverso, e si arrabbia per questo. Che poi lo capire se parlassimo di cose importanti come diritti umani, razzismo, ma no... su queste cavolate.

Dispiace perchè si creano contrasti inutili che non portano a niente e da nessuna parte.



Avatar utente
amig4be
Messaggi: 16
Iscritto il: 27/06/2020, 19:39

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da amig4be »

Le caratteristiche salienti di queste fpga sono due: le prestazioni e loro nuove capacità tecniche. Le prestazioni portano a un naturale e ovvio confronto con l'emulazione (da qui l'attrito con gli utenti di winuae e altri emulatori), mentre le nuove capacità non vengono sfruttate da una scena che a livello di sviluppo software non mi pare affatto eccellente (a parte gli alieni della demoscene). Tutto ciò mi porta ad apprezzare una stand-alone dal punto di vista prettamente accademico (in pratica è la prima vera evoluzione amiga dal 1992) ma non pratico, perché non ha senso sborsare quelle cifre dopo quasi 30 anni per non avere nulla in più rispetto a dei buoni amiga accelerati e/o emulati; né capisco la nuova deriva di integralismo che ne è scaturita (attacchi, flame, diaspore nei forum, etc).



Avatar utente
Seiya
Messaggi: 121
Iscritto il: 22/04/2020, 14:36
Mi piace ricevuti: 2 volte

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Seiya »

Dal mio punto di vista il retrogaming non è per forza legato al retro computing. Per giocare a Turrican non obbligatorio avere un reale Amiga 500 o per giocare a Doom non necessario per forza avere una Vampire.
Si tratta di giocare o usare un software e quindi il mezzo per farlo non è la cosa più importante. Per altri invece è il contrario.

Finchè tutto rimane a costo zero va bene tutto, ma quando non lo è più diventa qualcosa di strampalato, innaturale e folle perchè si istiga a convincere gli scettici che l'unica strada è quella, quando invece alla fine sappiamo che per divertirsi basta spendere pochissimo.
Ogni volta qualcuno deve sempre far passare la "soluzione costosa" come l'unica strada percorribile e chi dice che è quello lo scopo naturale? Finchè esisteranno queste persone ci saranno sempre queste situazioni.



Avatar utente
Mak73
Messaggi: 16
Iscritto il: 09/05/2020, 18:55
Mi piace ricevuti: 1 volta

Re: Scena Amiga e integralismo

Messaggio da Mak73 »

Io, sarò un po' orso ma giocando ad esmpio a JimPower in emulazione, non trovo differenze rispetto a giocarlo su hardware reale. Certo se faccio il paragone tra quando ho visto la prima volta JimPower e ora, è ovvio che ha quel tempo mi sbalordì, oggi non può più farmi quell'effetto, e non me lo farebbe nemmeno se ci giocassi su Amiga.

Che poi ovviamente ognuno sia libero di fare come meglio crede va benissimo, non ha senso che se uno pensa una cosa gli altri debbano seguirlo perchè così diventa tipo una religione.