Dead or Alive Ultimate

Team Ninja – 2004

Dead or Alive Ultimate

Quando si parla della console Microsoft, quello che si sente dire è che ha avuto poco supporto da parte degli sviluppatori nipponici. Ma non è un’affermazione del tutto vera, come dimostrano i tanti titoli presenti in questo speciale.
Alcune software house giapponesi si sono convertite alla causa, portando ottimi giochi nel catalogo Xbox; una delle più prolifiche è stata Team Ninja, capitanata da Tomonobu Itagaki, che fin da subito ha trovato nella console Microsoft la piattaforma di sviluppo ideale.

Un lato femminile

Dead Or Alive è una serie di picchiaduro molto conosciuta, ricordata per l’accessibilità del sistema di gioco, l’ottimo comparto tecnico e la prosperità e presenza del cast femminile, che da sempre ne contraddistingue il marchio.
Dopo aver esordito con il notevole Dead Or Alive 3, uscito come titolo di lancio esclusivo per Xbox, Team Ninja inizia a lavorare su una riedizione dei due precedenti giochi della serie.  
Il risultato è Dead Or Alive Ultimate, una compilation dei primi due capitoli della saga, esclusiva per Xbox, che arriva alla fine del 2004 in America e Giappone e all’inizio del 2005 in Europa.

Dead or Alive Ultimate

I due capitoli

Dead Or Alive 1 è una conversione diretta dell’originale per Sega Saturn, ma ha in più l’alta risoluzione e la possibilità di sfidare avversari online via Xbox Live.
E’ un titolo ancora molto divertente da giocare, ma essendo rimasto praticamente invariato non è certo una novità. E’ un gioco ben fatto, che gli appassionati storici della saga potranno godere in una risoluzione più dettagliata e definita rispetto all’originale su Saturn e Playstation.
Dead Or Alive Ultimate 2, invece, è proprio un remake del titolo uscito su Dreamcast e PS2, che sfrutta il motore grafico di Dead Or Alive: Extreme Beach Volley, nonché una serie di elementi ripresi da Dead or Alive 3.
Ultimate 2 si apre con un lungo filmato in CGI, dove viene narrata l’infanzia dei tre protagonisti della serie: i fratelli Kasumi ed Hayate e la loro sorellastra Ayane. Il tutto è accompagnato da un pezzo degli Aerosmith, un gruppo molto amato da Itagaki. Dead or Alive non è mai stato un titolo apprezzato per la trama, ma qui almeno si è cercato di rendere la narrazione della vicenda meno criptica e più interessante.

Una bella grafica

Graficamente il titolo è una gioia per gli occhi.
La modellazione dei personaggi è realizzata ottimamente, il motore fisico che li muove è estremamente convincente e gli stage sono curatissimi, pieni di effetti atmosferici e coreografici, oltre ad essere strutturati su più livelli. Le arene infatti sono interattive e capiterà spesso di passare durante il combattimento da una sezione all’altra.
Questa caratteristica era già presente nell’originale Dead Or Alive 2, ma qui è stata arricchita e potenziata.
Come sempre è presente il famoso effetto “rimbalzo” dei seni delle lottatrici e, per chi se lo stesse chiedendo, è possibile limitarlo tramite il menù opzioni.
A livello audio troviamo effetti sonori di ottima qualità, chiari e potenti, uniti ad una buona colonna sonora e ad un doppiaggio ben riuscito. La presenza della canzone “Dream On” degli Aerosmith è un’altra piccola ciliegina sulla torta, che gli appassionati della band apprezzeranno sicuramente.

Dead or Alive Ultimate

Mosse e contromosse

Il gioco, come dicevamo all’inizio, è un picchiaduro molto immediato e perfettamente giocabile anche dai neofiti, ma per essere apprezzato appieno richiede comunque una certa dedizione. I fondali multi-livello, che troveremo praticamente in tutti gli stage, giocano un ruolo chiave negli scontri; oltre ad aumentare la spettacolarità generale, saranno un elemento strategico da non sottovalutare.
Avremo a disposizione anche delle contromosse, che potremo eseguire per bloccare i colpi dell’avversario, ma che richiederanno comunque una precisione ed una velocità di esecuzione non proprio casuale.
Il pad Xbox si rivela reattivo e perfettamente adatto anche per i picchiaduro tridimensionali (soprattutto la variante più piccola), quindi potremo giocare senza problemi di sorta.
Dead Or Alive Ultimate 2 è un gioco ricco di contenuti e modalità; i personaggi sono tanti (alcuni vanno sbloccati) e sono pieni di costumi personalizzati da scoprire..
Gli stage sono molto numerosi e tutti ben caratterizzati, sia quelli provenienti da Dead Or Alive 2 che quelli rifatti ex novo.

Le modalità, sia nelle sfide in singolo che in multiplayer, lo rendono inoltre ancora più longevo e vario.
Era presente anche la possibilità di sfidare gli avversari su Xbox Live, ma come già segnalato, questo servizio non è più disponibile ufficialmente.
Tra l’altro è bene ricordare che Dead or Alive: Ultimate è stato il primo picchiaduro tridimensionale giapponese a supportare le sfide online. Non certo una cosa da poco!

Tirando le somme, questa riedizione dei primi due Dead Or Alive è assolutamente riuscita e non dovrebbe assolutamente mancare nella collezione degli appassionati del genere.

Per restare sempre aggiornati, non perdetevi la pagina forum 

Lascia un commento

Ultime dal forum..

Ultimi messaggi

Facebook..