Crimson Skies: High road to revenge

Fasa Studio – 2003

Crimson Skies: High road to revenge

Un aggiornamento per l'originale

Crimson Skies è un gioco di combattimenti aerei in stile arcade, che esce per la prima volta su PC nel 2000 ed è sviluppato da Zipper Interactive, autori di Mechwarrior 3 e della serie Socom.

Il gioco riscuote un buon successo di critica, ma purtroppo non si impone a livello di vendite (nonostante negli anni sia stato poi considerato un cult).
Il potenziale c’è e Microsoft decide di portare il titolo sulla neonata Xbox.
Lo sviluppo viene affidato a Fasa Studio, già nota per MechCommander, Mechwarrior 4 (su PC) e Mechassault (su Xbox).
Questa versione, che prende il nome di High Road To Revenge, non è un semplice porting ma aggiunge, amplia e migliora il titolo originale.

Storia alternativa

Crimson Skies è ambientato in un 1930 alternativo-steampunk, dove aerei e mongolfiere sono diventati i principali mezzi di trasporto e dove gli stati Uniti si sono frammentati in una serie di stati sovrani, perennemente in guerra fra loro.
Il gioco ci cala nei panni di Nathan Zachary, un pirata dell’aria che con la sua banda, i “Fortune Hunters”, depreda i velivoli commerciali.

L’assassinio dell’amico “Doc” Fassenbiender, porterà Nathan a cercare vendetta.

Crimson Skies: High road to revenge

Tecnica steampunk

Graficamente Crimson Skies è un buon titolo; il comparto tecnico è solido ed è impreziosito da effetti coreografici come riflessi, spruzzi d’acqua, scie di fumo, effetti di pioggia e nebbia, che ne aumentano l’impatto estetico.
Il design e la modellazione di aerei, mongolfiere e strutture è veramente ottimo e il tutto viaggia sempre fluido e stabile. L’unica cosa un po’ sottotono sono i filmati in full motion video, ma per il resto non ci si può lamentare.

A livello audio, il gioco presenta una buona colonna sonora in stile anni ’30, che aiuta a calarsi non poco nell’atmosfera del periodo, e un comparto di effetti veramente notevole e roboante.
Anche il doppiaggio inglese è di ottima qualità. Il gioco sfrutta inoltre i sistemi audio in 5.1, per cui se avete un impianto home theater in salotto, vi divertirete come matti.

Una sfida tra più aerei

Crimson Skies è un gioco d’aerei, ma non aspettatevi un simulatore.
Il gioco ha radici e controlli in stile arcade ed è veramente piacevole da giocare.
Le varie ambientazioni sono strutturate tramite sezioni open world, dove potremo scegliere liberamente se seguire la storia principale o esplorare con il nostro mezzo gli ambienti, in cerca di missioni e sfide secondarie. 

Durante il gioco potremo migliorare il nostro aereo, tramite upgrade, oppure cambiarlo scegliendo tra una vasta gamma di velivoli. 

Crimson Skies offre una sfida equilibrata, senza mai causare frustrazione eccessiva.
Il pad della console si rivela ottimo e non avremo problemi a comandare il nostro mezzo già dopo pochi minuti di gioco.
La campagna in single player è lunga e ben articolata e ci vorranno almeno una ventina di ore per arrivare ai titoli di coda. Accanto a questo si segnala un eccellente comparto multiplayer, che permette a quattro giocatori di sfidarsi via split screen sulla propria Xbox. E’ possibile persino arrivare fino a 16 partecipanti in contemporanea, tramite il cavo system link.
Crimson Skies è stato uno dei titoli più giocati nei primi anni di Xbox Live, ma come abbiamo già detto purtroppo, questa possibilità ormai non esiste più.

Crimson Skies: High road to revenge

Tirando le somme, High Road To Revenge è un titolo che non dovrebbe mancare nella collezione di qualunque appassionato di Xbox. Assolutamente consigliato, soprattutto se siete amanti dei giochi di volo non simulativi, oppure se apprezzate le ambientazioni steampunk.

Per restare aggiornati, date un’occhiata al forum 

Lascia un commento

Ultime dal forum..

Ultimi messaggi

Facebook..