Blue’s Journey

MVS Release: 14/03/1991 – Developer: ADK – Publisher: ADK – Meg count: 46 – Genre: Platform

Blues Journey

Platform sul Neo Geo?

Ecco una verità sul Neo Geo: non è esattamente conosciuto per i suoi ‘Platform’ games.
Quando si pensa al Neo Geo, di solito vengono in mente titoli come The King of Fighters, Fatal Fury, Samurai Shodown e Metal Slug…

Ma i Platform? Si può quindi dire che il Neo Geo abbia un unico “vero” Platform?
Si può sostenere una tesi: ovvero quella che, molto generalmente, intende per ‘Platform’ games quei giochi dove “basta saltare da una piattaforma all’altra”…
Ad ogni modo, considerazioni ludico-filosofiche a parte, se siete alla ricerca di un sano ‘Platform’ game di stampo “old-school” su Neo Geo, la vostra scelta è Blue’s Journey.

Blue’s Journey

Un insetto folletto

Blue’s Journey (noto in Giappone con il nome di Raguy), ci mette nei panni di un eroico giovanotto di nome Blue, impegnato a salvare il pacifico pianeta Raguy invaso dall’Impero Daruma, il cui diabolico scopo è quello di inquinare e consumare le risorse.

Blue – in pratica un incrocio tra un insetto e un folletto – è armato di una gigantesca foglia con la quale è capace di stordire i nemici, per poi sollevarli e scagliarli come proiettili. 
Di tanto in tanto è poi possibile cambiare la propria arma con un boomerang roteante o una serie di simpatiche granate dall’effetto devastante; il tutto semplicemente colpendo alcune piante disseminate per i quadri. Sempre parlando di piante, è doveroso accennare alla massiccia presenza di alcuni fiorelloni rosa che rappresentano la moneta locale.

Con una bella scorta di questi colorati vegetali è possibile, in uno dei tanti negozi disseminati per l’area di gioco che spuntano come d’incanto da alcuni cespugli, comprare oggettini molto utili, come pinne per nuotare meglio, energia extra, casseforti per archiviare gli oggetti e altri ‘items’ più o meno inutili.
Capita anche di incontrare particolari personaggi che ci inviteranno a giocare o combattere contro di loro, o che ci daranno consigli o servizi.

Blue’s Journey

Tra i livelli

Infine, non dimentichiamoci che alla fine di ogni livello si trova una pianta molto particolare: riceveremo punti e denaro a seconda di quanto in alto la tocchiamo saltando, più o meno come accadeva nel primo Super Mario Bros.

Ogni tot livelli ce la vedremo con uno degli scagnozzi del perfido inquinatore: per poterli superare dovremo stordire, raccogliere e rispedire al mittente i nemici che ci verranno scagliati addosso. 
Come premio per l’eventuale successo avremo l’onore di partecipare a una specie di “pesca” organizzata dagli ex-prigionieri dell’individuo appena eliminato, dove potremo vincere energia e bonus vari.

Ci sono anche piccole chicche, come la possibilità di rimpicciolirsi per adattarsi a percorsi speciali e aree segrete.
In questo stato è anche un po’ più facile schivare i nemici, ma si resta completamente indifesi, perché non è possibile utilizzare tutte le armi.

Giocando divertendosi

È anche possibile giocare in due contemporaneamente!
Oltre al divertimento di condividere l’avventura con un amico, cooperando è inoltre possibile raggiungere piattaforme altrimenti inaccessibili giocando da soli.
Questo permette di scoprire ulteriori passaggi segreti e livelli nascosti.

Il gioco inizia sempre nel primo mondo, ma dopo aver battuto il primo boss, i percorsi si diramano, e potremo giocare con uno dei due successivi, per un totale di quattro mondi, composti da quattordici ampi livelli.

I percorsi ramificati, le molte aree segrete, e il gioco cooperativo aggiungono un valore di replay a quello che altrimenti sarebbe un titolo decisamente breve.
Si può facilmente completare in 30-40 minuti (dopotutto è un gioco arcade), quindi la maggior parte della sfida arriva dal tentare di completarlo con un solo credito.

La grafica è brillante e colorata, con un sacco di dettagli, così come animazioni ed effetti sempre all’altezza.
I controlli sono semplici e rispondono bene.
Il comparto sonoro fa il suo lavoro, con temi allegri che si adattano bene all’atmosfera gaia del gioco, ma nulla che resterà impresso nella mente.

Blue’s Journey

In definitiva, le parti buone di Blue’s Journey superano certamente quelle cattive.
Alpha Denshi sforna un ‘Platform’ game dignitoso, divertente ed efficace, pieno di grande varietà e buon umore.

Per restare aggiornati, date un’occhiata al forum 

Lascia un commento

Ultime dal forum..

Ultimi messaggi

Facebook..